IN UMBRIA COSE TURCHE

13177628_223460094701454_6560584694247939173_n

IN UMBRIA COSE TURCHE.

Le ‘purghe’ di Erdogan, arrestati 20 magistrati, rimossi altri 2.745 giudici 5 generali e 29 colonnelli

http://www.agi.it/estero/2016/07/16/news/le_purghe_di_erdogan_rimossi_2_745_giudici_5_generali_e_29_colonnelli-944665/

conf boccali marini zingaretti leonelli

DAL TENTATIVO DI GOLPE DI BARBERINI LA GIOVANE TURCA CATIUSCIA NON GODE PIU’ DI QUELLA TRANQUILLITA’ CHE PAREVA ETERNA.

Polizia provinciale, due agenti ‘emigrano’ fuori regione: presi dalla municipale di Cortona | Umbria24.it

http://www.umbria24.it/polizia-provinciale-due-agenti-emigrano-fuori-regione-presi-dalla-municipale-di-cortona/407940.html

HA DOVUTO FAR SCENDERE IN CAMPO L’OPPOSIZIONE PER FAVORIRE LA PURGA DEL POTERE GIUDIZIARIO DA EVENTUALI PERICOLOSI RETAGGI FILOCOSTITUZIONALISTI DEL PASSATO E PERTANTO CERCA DI FAR PASSARE I BRAVI DI MARCO VINICIO EX AUGUSTO NELLE CANCELLERIE DEI TRIBUNALI.


«Usiamoli come cancellieri»
 Intanto c’è chi propone di utilizzare i rimanenti per altre funzioni, come il consigliere regionale di centrodestra, Marco Squarta. «Nell’attualità un aspetto fondamentale della Giustizia è rappresentato dalla mancanza di personale amministrativo. Secondo i numeri forniti in occasione dell’ultima inaugurazione dell’anno giudiziario mancano un centinaio di cancellieri, il 19 per cento, con picchi in alcuni uffici del 36 per cento. Ci sono 94 agenti della polizia provinciale a spasso che attraverso la mobilità potrebbero rimpiazzare quei posti. E’ necessario che le Istituzioni si attivino attraverso il ministero».

DALLA CALABRIA INTANTO PROVENGONO RUMORI DI INCHIESTE SULLA MASSONERIA PILOTATA DALLA ‘NDRANGHETA COME AI TEMPI DI CORDOVA.

12933046_203958606651603_1623783668849559651_n

Antonio Caridi, il senatore dirigente della cupola di ‘ndrangheta – l’Espresso

http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/07/15/news/antonio-caridi-il-senatore-dirigente-della-cupola-di-ndrangheta-1.277510

Ecco come il pentito Cosimo Virgiglio, in un recentissimo verbale, descrive la commisstione tra mafia e logge: «Ribadisco che il sistema allargato, composto tanto dagli elementi massonici che da quelli tipicamente di ‘Ndrangheta, aveva come obiettivo finale quello di garantire alla componente massonica, fortemente politicizzata, la gestione dei flussi elettorali. La componente di ‘Ndrangheta mirava al consolidamento degli ingenti capitali sporchi, già formati, che andavano ricollocati sul mercato, anche estero, mediante strumenti finanziari evoluti, gestiti attraverso gli appartenenti alla massoneria».

Sembra l’incipit di un romanzo di le Carré. Invece è la realtà. Che l’antimafia di Reggio Calabria ritiene di aver smascherato. Una rete di “invisibili” che negli ultimi tempi stanno diventano sempre più visibili.

ALLE 7,40 DI STAMATTINA NEL PAESE DI FRITTOLE UN INFILTRATO PIDDISTA NEI RANGHI ISTITUZIONALI ME VOLEVA FA LA MULTA PER LE CINTURE DOPO CHE IO AVEVO INNEGGIATO ALLA MANTENIMENTO DELLA COSTITUZIONE CHE TUTTORA CIABBIAMO.

MESSO ALLE STRETTE SOLLECITATO SULLA PROPORZIONALITA’ DELLA OFFESA ALLA LEGGE HA PREFERITO SOPRASSALIRE CHE ARRESTARMI.

VERRANNO CASA PER CASA A CHIEDERVI DA CHE PARTE STATE

MA SIA COME SIA E’ IL FATTO IN SE’ CHE NON E’ BELLO.

2ebrei-nudi

Annunci