LA VECCHIA NARRAZIONE

basta20161029210024

VOLEVO ANDA’ AL PIANO NOBILE DELLA QUESTURA DI PERUGIA
PER FARMI INTERPRETARE UN MESSAGGIO BUROCRATICO
DI INCERTA SIGNIFICAZIONE.
ALLA QUESTURA DI PERUGIA NON C’E’ IL PIANO NOBILE.

Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacchè
tutte l’ore cò ‘sta fetenzia
che sputa minaccia e s’à piglia cò me

QUINDI DAL MINISTERO TELEFONICAMENTE
PER QUELLO CHE PUO’ VALERE HO AVUTO LE SEGUENTI RISPOSTE:

non basta un SI per cambiare un atteggiamento culturale derivante da secoli di società segrete,

non sono stati sufficienti 1000 giorni di governo Renzi per discostarsi dalle usanze di stato di emergenza continua invocato dai poteri di cui sopra

e manco Bocci che fa il sottosegretario dell’interno dal 3 maggio 2013 cià la bacchetta magica.

Anzi, se ha contribuito lui stesso nell’affidare compiti impropri ai colleghi provinciali della polizia provinciale oggi sciolta per manifesta insensatezza.

Nello specifico l’operatore della capitale che era un uomo non particolarmente dotato di poteri soprannaturali ha riferito che se la magistratura voleva sapere i precedenti penali di chiunque non aveva bisogno di chiederli alla polizia provinciale che poi in base a questi dati sballati ha richiesto un foglio di via nei miei confronti per consolidare il triste primato di erogazione di fogli di via da Perugia. 3° posto dopo Roma e Milano. ( dati BOCCI )

Perugia, tre camper nel parcheggio dell’ospedale tra rifiuti e sporcizia: foglio di via per quattro persone | Umbria24.it
http://www.umbria24.it/perugia-tre-camper-nel-p…/421067.html

Tra i quattro oggetto del foglio di via ci sono i due croati e il serbo, tutti con numerosi precedenti per furto alle spalle. I controlli hanno fatto poi emergere che nessuno dei 12 aveva a Perugia un lavoro o un qualche tipo di legame che ne giustificasse la presenza sul territorio.

MA IO A PERUGIA CE SO’ NATO

E QUINDI C’E’ DEL MARCIO A PERUGIA
E NON BASTA UN SI PER FARE PIAZZA PULITA

Riscontri del Patto per la Sicurezza (2008) e del Patto per Perugia Sicura (2011) in materia di personale, mezzi, strumenti e fondi per le Forze dell’Ordine utili alla sicurezza in città e nelle frazioni – Buone idee in Comune

http://www.tommasobori.it/riscontri-del-patto-per-la-sicur…/

Di seguito l’interrogazione:
CONSIDERATO CHE:
-Nel 2008 è stato firmato il Patto per la Sicurezza dal Ministro dell’Interno Giuliano Amato, dal Prefetto di Perugia Enrico Laudanna, dalla Presidente della Regione Maria Rita Lorenzetti, dal Presidente della Provincia Giulio Cozzari e dal Sindaco di Perugia Renato Locchi.

-Nel 2011 è stato rinnovato il Patto per Perugia Sicura dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni, dal Prefetto di Perugia Enrico Laudanna, dalla Presidente della Regione Catiuscia Marini, dal Presidente della Provincia Marco Vinicio Guasticchi e dal Sindaco di Perugia Wladimiro Boccali.

-In questi anni sono state portate avanti dall’amministrazione comunale perugina importanti ed impegnative scelte in materia di sicurezza, una serie di interventi e di iniziative, dall’illuminazione notturna agli impianti di videosorveglianza, dalle ordinanze sindacali al controllo della circolazione, fino alle azioni di polizia municipale e ai provvedimenti in materia di uso dei fondi.

LA STORIA E’ VECCHIA ( e quelli votano SI )

ceda

ceds

Annunci